I prossimi eventi in libreria

Feb
3
Gio
2022
Il destino di Rimbaud
Feb 3@18:30–20:00
Il destino di Rimbaud

con l’autore Loris Caruso

il professor Paolo Giovannetti, docente di letteratura italiana allo Iulm

In questo romanzo, oltre al Rimbaud storico e reale, viene immaginato un suo alter ego del XXI secolo, capo di una multinazionale di software. In questo modo, Rimbaud è interpretato come figura paradigmatica della modernità: apogeo del romanticismo, conseguenza artistica e politica dell’illuminismo e della rivoluzione francese, anticipatore delle avanguardie del XX secolo, inventore di una forma espressiva e di un’utopia estetica che ha diversi punti di contatto con lo spirito delle tecnologie del XXI secolo

Oedipus edizioni

Feb
4
Ven
2022
Cile, il futuro già viene
Feb 4@18:30–20:30
Cile, il futuro già viene

un viaggio politico oltre Pinochet

ne parlano con l’autore Emanuele Profumi:

Lucia Capuzzi, giornalista de l’Avvenire

Lucy Rojas, presidente di AlpiAndes, associazione culturale italo-cilena

Ormai da diversi anni milioni di cileni stanno chiedendo a gran voce e in vari modi non un semplice cambiamento di governo ma una vera e propria trasformazione della società. Una sorta di rivoluzione gentile. Una pluralità di movimenti sociali, da quello degli studenti del 2011 al recente movimento per un altro sistema pensionistico, chiede con forza di abbandonare la costituzione autoritaria voluta da Pinochet nel 1980, additata come la principale causa dell’impasse economica e politica che ha sofferto il Paese dalla fine della dittatura. Il movimento costituente del 2019 e l’instaurazione dell’Assemblea Costituente, oggi al lavoro, così come l’elezione del nuovo presidente del Cile, Boric, sono eventi eccezionali che sembrano del tutto incredibili. Questo libro aiuta a comprendere le radici sociali e storiche di quanto successo negli ultimi 30 anni in Cile, e le ragioni alla base dell’eccezionale momento storico che sta vivendo il Paese di Allende. Non a caso, tutto il racconto corale ricostruito nel libro si muove a partire da questa domanda fondamentale: cosa sta succedendo davvero? 

Emanuele Profumi è ricercatore in filosofia politica e giornalista free lance. Scrive e pubblica per riviste italiane e straniere ed è stato anche corrispondente estero. In Italia ha già pubblicato altre Inchieste politiche sul Brasile (Aracne, 2012) e sulla Colombia (Exorma, 2016). Viaggia da quando non ha neanche un anno, ha girato tutta Europa e mezza America Latina, fermandosi a vivere sulle Ande (Quito), davanti al mare (Barcellona), o in una metropoli globale (Parigi).

 

 

Feb
24
Gio
2022
Un giorno ancora
Feb 24@18:30–20:00
Un giorno ancora

Guendalina Sibona presenta

Un giorno ancora. Il mio viaggio dentro il Tor

Una corsa non stop, colle dopo colle, al cospetto delle vette più alte, nel freddo della notte che penetra nelle ossa e nella testa, fino a quando una nuova alba accende il profilo del mondo. Il primo raggio di sole solletica la curiosità e il desiderio di nuovi orizzonti. Un giorno ancora e l’avventura continua. Più che di una competizione, si tratta di un viaggio fatto di panorami sorprendenti, incontri sul cammino, fantasmi nati dal sonno, lunghe solitudini e immediate condivisioni.

Il Tor des Géants è una gara mitica per chi pratica la corsa in montagna. Il percorso, che ricalca le Alte Vie valdostane per 340 chilometri e 24000 metri di dislivello positivo, è una prova fisica per la quale la preparazione di un anno non sempre è sufficiente. Non solo: è un’oscillazione continua tra sentimenti opposti, è sconforto ed euforia, è una sfida con se stessi e con la montagna, in cui, a ogni passo, si è chiamati a misurarsi con i propri limiti e le proprie risorse.