I prossimi eventi in libreria

Nov
17
Ven
2017
Rosa Luxemburg – Marxista e rivoluzionaria
Nov 17@19:00–20:30
Rosa Luxemburg - Marxista e rivoluzionaria

Presentazione de Rosa Luxemburg – Marxista e rivoluzionaria

Il centenario della Rivoluzione d’Ottobre ha dato vita a un vero e proprio fiume di pubblicazioni sulla caduta degli Zar e le ragioni della rivoluzione in Russia.
Pubblicazioni spesso accomunate dall’idea di un colpo di stato cospirativo, frutto del genio malvagio e creativo di Lenin, dove milioni di lavoratori comuni avrebbero il giocato il ruolo di pedine manovrate dal populismo. Poche di queste si sono concentrate sulla crisi del sistema economico che generò quella rivoluzione ed ancor meno sulla colossale palestra ideologica che trasformò un pugno di rivoluzionari isolati nell’ostetrica di una rivoluzione vittoriosa. 
Nessuna di queste, tuttavia, hai mai narrato l’onda d’urto propagatasi in Europa durante e dopo la Rivoluzione d’Ottobre.
Rosa Luxemburg – Marxista e rivoluzionaria è il risultato dello sforzo di analizzare, attraverso gli occhi, gli scritti e le battaglie della dirigente rivoluzionaria Rosa Luxemburg, quali condizioni avrebbero potuto portare alla vittoria della rivoluzione d’Ottobre anche nel cuore dell’Europa.
Quali idee avrebbero guidato l’insurrezione in Germania? Quali metodi avrebbero potuto far gridare un intero continente “Facciamo come in Russia”? 
Il libro narra il tentativo di guadagnare una vittoria che avrebbe potuto spezzare l’isolamento dei bolscevichi e cambiare per sempre il corso della storia mondiale.
organizza Marxpedia
Gen
11
Gio
2018
H0NDURAS 2017: ELEZIONI RUBATE
Gen 11@20:15–22:30
H0NDURAS 2017: ELEZIONI RUBATE

Ne parliamo con Giorgio Trucchi

Corrispondente di Rel-UITA in Centroamerica

 

È il 26 novembre e si vota per le presidenziali in Honduras.

Poche ore dopo il voto, quando si comunicano i risultati sul 60 per cento dei voti scrutinati, Nasralla, il candidato di Libre, viene dato in grande vantaggio su Hernandez, presidente uscente.

E immediatamente viene sospeso il conteggio dei voti.

Mentre JOH (Juan Orlando Hernandez) comincia ad autoproclamarsi vincitore.

Iniziano le prime proteste, i primi scontri, le prime cariche, i primi morti.

Alla fine il 17 dicembre, tre settimane dopo il voto durante le quali il paese è in piena protesta, il presidente della commissione elettorale David Matamoros diffonde i dati ufficiali del voto: Hernandez ha ottenuto il 42,95 per cento dei voti, mentre Nasralla, il candidato di Libre, si è fermato al 41,42 per cento.

Di fatto un nuovo colpo di Stato dopo quello del 2009, che ha deposto l’allora presidente democraticamente eletto Mel Zelaya. Da allora l’Honduras vive in una spirale di violenza, di impunità, e di avallo delle peggiori politiche neoliberiste e in queste elezioni la popolazione dell’Honduras aveva la possibilità di cambiare le cose per via democratica.

E lo ha fatto, ma non gli è stato permesso.

Il Comitato Berta Vive Milano organizza un incontro pubblico con il giornalista Giorgio Trucchi, di ritorno dall’Honduras, per capire cosa è successo davvero durante questa triste pagina elettorale in Honduras, di cui poco o nulla si è parlato.

 

Qui l’evento FB:

https://www.facebook.com/events/139167043537245/?active_tab=discussion