I prossimi eventi in libreria

Giu
9
Ven
2017
Persone non numeri: Incontro con Guadalupe Pérez HIJOS Mèxico
Giu 9@18:30–20:00
Persone non numeri: Incontro con Guadalupe Pérez HIJOS Mèxico

Persone non numeri

Tra il 2006 el il 2016 sono scomparse 30,000 persone in Messico, fra migranti latinoamericani e messicani nel loro viaggio verso gli Stati Uniti. Proprio come sta accadendo quotidianamente nel nostro Mediterraneo.

Ne parliamo con:

Guadalupe Pérez Rodriguez ( H.I.J.O.S Mèxico, Collettivo Huellas de la memoria)
Edda Pando (Rete Milano senza frontiere, Progetto Missing at the borders)
Mayra Landaverde ( Associazione Todo Cambia )

Modera:

Alessandra Montesanto ( Associazione per i diritti umani)

Giu
14
Mer
2017
Le piscine terminali
Giu 14@18:30–20:00
Le piscine terminali

Le piscine terminali di Enrico Gabrielli

Giu
20
Mar
2017
ART RIVER
Giu 20@18:30–20:00
ART RIVER

Presentazione della nuova Associazione Culturale Art River

Tutte le novità da settembre in avanti! Corsi di scrittura, sceneggiatura ma non solo…

A seguire aperitivo!

 

L’Associazione ArtRiver della scrittrice e poetessa Elena Mearini e della drammaturga bosniaca Emina Gegic, un duo perfetto per intesa e professionalità, propone per la prossima stagione Percorsi di Parole, un’iniziativa dal programma assai originale ed entusiasmante. Non si tratta più solo di “scrittura creativa”, come è stato fatto finora peraltro con grande riscontro e successo. I laboratori che partono dopo l’estate propongono molto altro, teatro e sceneggiatura, e soprattutto sono divisi in “colori” a seconda del percorso preferito. Altra novità…largo ai giovani, anzi ai giovanissimi perché alcuni corsi sono aperti anche ai bambini, a partire dai 7 anni fino ai 10.
Come quello di “teatro per genitore e figlio”, must di quest’anno, che regalerà alla coppia un momento sicuramente speciale e prezioso da passare insieme. Lo scopo: risvegliare la creatività di entrambi i partecipanti con il gioco e la fantasia, mentre la magia del teatro li fortificherà nella complicità guidandoli verso nuovi orizzonti da scoprire insieme. Il primo percorso, il giallo ( dal 18 settembre al 16 ottobre), prevede l’elaborazione di una storia collettiva in cui verranno creati i personaggi da portare in scena, con il rosso (dal 23 ottobre al 20 novembre ) invece si penserà a scenografie e costumi da creare ex novo con materiali poveri e riciclati e infine l’arancione (dal 27 novembre al 21 dicembre) ci porterà alla recitazione vera e propria con la preparazione di uno spettacolo finale. Gli incontri di ogni serie sono 5 (il lunedì dalle 17.00 alle 1830) di 1 ora e mezza ciascuno e costano per la coppia 180 euro. Si possono seguire tutti o anche solo uno.
Interessanti novità anche per ciò che riguarda la scrittura e le tecniche di narrazione. Il metodo di base è sempre lo stesso, che è poi la caratteristica del duo Elena-Emina: ovvero il lavoro approfondito sul corpo e sulle emozioni. Il punto di partenza è infatti l’ascolto della propria fisicità ed emotività attraverso la pratica di esercizi di visualizzazione creativa. Fondamentale sarà poi lo studio delle principali tecniche di narrativa, la costruzione di personaggio e trama, l’analisi e la ricerca dello stile. Il progetto Percorsi di Parole ci aiuterà a comprendere cosa vogliamo raccontare e come poterlo fare, affiancandoci nell’intero percorso di realizzazione di una storia, idea-sviluppo-stesura fino ad un’eventuale pubblicazione. Le lezioni saranno infatti arricchite dalla presenza di autori, editori e agenti letterari che permetteranno ai partecipanti di conoscere le varie visioni della scrittura e di comprendere da vicino i meccanismi di editoria e pubblicazione.
Oltre alle ore in aula i docenti si dedicheranno alla lettura e all’editing dei testi elaborati, seguendo tutte le fasi della stesura.
I laboratori sono suddivisi in quattro “generi o colori” con percorsi pratico-teorico differenti. Il percorso giallo (dal 15 settembre al 27 ottobre) è il primo e il livello base, dove vengono forniti i fondamenti della scrittura: analisi e creazione del personaggio, costruzione della storia, stile. Il secondo, il verde (dal 3 novembre al 15 dicembre) prevede invece l’elaborazione di un “diario intimo”, una proposta di scrittura autobiografica che si focalizza sull’indagine della nostra storia personale e racconta chi siamo, lavorando su consapevolezza e bisogni. Il percorso blu (dal 12 gennaio al 23 febbraio) è quello “avanzato”, dove si approfondiscono elementi particolari della narrazione come l’io narratore, il punto di vista, i piani temporali, dialogo, descrizione, scena. Infine, quello rosso (dal 2 marzo al 15 aprile), è il “diario di viaggio” per scoprire come cambia lo sguardo a seconda dei luoghi con lo spostamento del punto di vista, come si modifica il personaggio dall’inizio alla fine del viaggio e come agisce l’influenza esercitata dalla differenti culture.
Ogni percorso prevede incontri settimanali (il venerdì alle 1830-2030) di due ore ciascuno al costo di 250 euro a partecipante (chi ne acquista due avrà diritto a uno sconto del 10% mentre chi li vuole provare tutti del 20%).
Infine abbiamo il corso di sceneggiatura cinematografica “SCRIVERE PER IMMAGINI” in cui gli aspiranti sceneggiatori potranno apprendere le tecniche che riguardano la prima stesura di una sceneggiatura cinematografica. Il percorso mescola elementi pratici e teorici agevolando un veloce apprendimento degli elementi narrativi e strutturali. Si struttura in 8 incontri, ogni mercoledì a partire da 27 Settembre 2017 (1830-2030).
Che dire? Non resta che…scegliere il proprio “colore” e cominciare a scrivere storie e racconti, liberando la fantasia e ascoltando le proprie emozioni. Ai giovanissimi poi, un palcoscenico per sognare!
Per info e iscrizioni:
Ufficio stampa PERCORSI DI PAROLE
Valeria Zanoni
Cell. 393 0552272

 

 

Mar
10
Sab
2018
Il Cambiamento
Mar 10@17:00–18:30
Il Cambiamento

Il Cambiamento. Sull’onda tra crisi e opportunità

di Giovanni Anzuino e Valeria Florio

Un surfista anticipa l’onda e si prepara ad affrontarla, può cadere ma sempre riprovare. Ogni onda diventa per lui un’occasione utile a migliorare le proprie abilità: pazienza, equilibrio, forza, concentrazione, coordinazione, resistenza. Quando si presenta un’onda, per quanto travolgente essa sia, il surfista è di nuovo pronto per ripartire con la sfida. In questo saggio, a metà strada tra il manuale clinico e l’opera di divulgazione, Giovanni Anzuino, Valeria Florio e gli altri professionisti del Centro di Psicologia e Psicoterapia APICE di Roma raccontano la metafora del “surfista esistenziale”, simbolo della persona che lotta contro le difficoltà per uscirne rafforzato

 

Haikuj edizioni

 

Giovanni Anzuino, psicologo e Psicoterapeuta cognitivo-comportamentale, Presidente dell’Associazione Apice e responsabile generale del Centro di Psicologia e Psicoterapia. Svolge attività clinica ed è supervisore e coordinatore del Centro. È formatore di consulenti di vendita, manager e direttori d’azienda. Ricopre l’incarico di docente presso l’Istituto di Specializzazione in Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale Skinner, presso la sede di Roma e di Napoli. È stato docente di Psicologia dello Sviluppo presso la Facoltà di Psicologia dell’Università Europea di Roma. È stato relatore presso numerosi convegni, occupandosi principalmente di tematiche relative alla gestione efficace della crisi e il potenziamento delle persone come risposta alla sofferenza nel lavoro. Ha partecipato come relatore alle edizioni del progetto “Scuola per Genitori” a Viterbo, organizzato da Confartigianato e diretta dal Prof. Paolo Crepet, trattando temi di bullismo, autostima e gestione dei sentimenti. Per Edizioni Haiku ha curato il volume Il cambiamento. Sull’onda tra crisi e opportunità (2017)

Valeria Florio, psicologa Psicodiagnosta e Psicoterapeuta sistemico-relazionale, ha maturato esperienze professionali nell’ambito dei minori a rischio, sia in Italia che all’estero, e dei detenuti tossicodipendenti. Ha svolto attività formativa e di ricerca nell’ambito della psicologia giuridica e della criminologia, ha ricoperto l’incarico di cultore della materia presso la cattedra di Psicologia dello Sviluppo della Facoltà di Psicologia dell’Università Europea di Roma e il ruolo di consulente tecnico di parte. All’interno del Centro Apice svolge attività clinica con individui, coppie e famiglie; si occupa inoltre di supervisione, formazione, progettazione e promozione del Centro. Svolge corsi di formazione sulla comunicazione emotiva per personale sanitario all’interno di cliniche e case di cura. Per Edizioni Haiku ha curato il volume Il cambiamento. Sull’onda tra crisi e opportunità (2017)

 

Nov
15
Gio
2018
La colpa di essere poveri
Nov 15@18:30–20:00
La colpa di essere poveri

Nuovo incontro per il ciclo La colpa di essere poveri questa volta si parla di Zona Letteraria

 

Zona Letteraria è una rivista in formato libro che ogni sei mesi (maggio/novembre), individua un argomento di carattere socio-politico e lo affronta dalla prospettiva della letteratura e delle arti visive. Il collettivo redazionale ha sede a Bologna ed è composto da scrittori, studiosi e artisti che, per comunanza di intenti e metodo, si pongono nel solco tracciato da Stefano Tassinari (1955-2012), fondatore della rivista Letteraria (2008)

 

Nov
9
Sab
2019
L’autunno del riscatto – Lezioni dal 1969
Nov 9@15:00–18:00
L'autunno del riscatto - Lezioni dal 1969

Sono passati cinquant’anni dall’autunno caldo, mezzo secolo da quell’intensa stagione di lotta che funse da innesco per un decennio di rivendicazioni ed esperienze, lezioni, conquiste, sconfitte.

Cinquant’anni di distanza e uno scenario profondamente cambiato: che ne è, oggi, nel pieno della peggior crisi del capitalismo, del boom economico? Che ne è della concentrazione degli operai nelle grandi fabbriche produttive, del ruolo della sinistra organizzata e dei sindacati, delle rivendicazioni audaci delle assemblee e del coordinamento tra lavoratori e studenti?

Nell’immaginario comune, non potremmo trovarci in una situazione più distante da quella che, per tutto il 1969, provocò mobilitazioni dalla Fiat di Torino alla Pirelli di Milano, dall’Olivetti di Pordenone alla Piaggio di Palermo, e poi ancora nelle università, nelle piazze, nei quartieri, coinvolgendo milioni di lavoratori, studenti, attivisti.
Ma allora che senso ha, oggi, raccontarci quanto accadde in uno scenario così diverso dal nostro e cercarne di analizzarne punti di forza e limiti oggettivi?

Noi crediamo che da quelle esperienze ci sia molto da imparare, e certo non per puro spirito accademico: oggi centinaia di migliaia di studenti in tutto il mondo scendono in piazza contro il cambiamento climatico, mentre i lavoratori della logistica, della grande distribuzione, della gig economy vivono condizioni lavorative di enorme ricatto. Se sono mutate alcune forme della produzione capitalista, di certo non sono cambiate le modalità di sfruttamento.

Ecco perché vi invitiamo a parlarne: per capire se queste lezioni del passato possano essere lezioni per il futuro.

Organizza: Marxpedia.org

Dic
11
Mer
2019
1969: QUANDO GLI OPERAI HANNO ROVESCIATO IL MONDO
Dic 11@18:30–20:00
1969: QUANDO GLI OPERAI HANNO ROVESCIATO IL MONDO

1969: QUANDO GLI OPERAI HANNO ROVESCIATO IL MONDO
Sull’attualità dell’autunno caldo

Ne parliamo con:

Paolo Ferrero – autore del Libro “1969: quando gli operai hanno rovesciato il mondo”, dirigente politico Vice Presidente della Sinistra Europea
Franco Calamida – militante di AO e del movimento dei Cub e dei tecnici nel 1969, l’anno della libertà
Emilio Molinari – già dirigente politico, animatore delle battaglie per l’Acqua Pubblica e tra i protagonisti del ’69 operaio milanese
Nadia Rosa – Responsabile Lavoro – Segreteria PRC Milano

Coordina: Matteo Pucciarelli, Giornalista di La Repubblica

A cinquant’anni dall’«autunno caldo», il grande rimosso dalla storia del paese
Paolo Ferrero:“Da Battipaglia a Mirafiori, da Porto Marghera alla Pirelli, da Avola a Valdagno il 1969 è stato l’anno della rivolta operaia. Contro lo sfruttamento disumano della catena di montaggio, il paternalismo feudale degli agrari, la repressione della polizia. Non una fiammata isolata ma l’apertura di un lungo processo di liberazione di centinaia di migliaia di lavoratori e lavoratrici, e punto di convergenza di tante storie e memorie: dalle lotte contadine nel Mezzogiorno d’Italia all’esperienza dei quadri sindacali e politici della sinistra di classe, dall’incontro con gli studenti del ’68 alle esperienze di presa di coscienza maturate nell’ambito del mondo cattolico.

Una rivolta che ha radicalmente cambiato volto al paese, contro la volontà delle classi dominanti: non a caso il ’69 si chiude con le bombe di Piazza Fontana a Milano e la nascita della «strategia della tensione», che però non riesce a fermare quel ciclo di lotte. Questo libro vuole essere un contributo per una comprensione dell’«autunno caldo» – il grande rimosso dalla storia del paese – nella convinzione che quel gigantesco processo sociale, politico e culturale di tipo rivoluzionario ci fornisca proprio oggi insegnamenti fondamentali nella lotta contro le destre e il liberismo.”