I prossimi eventi in libreria

Giu
9
Ven
2017
Persone non numeri: Incontro con Guadalupe Pérez HIJOS Mèxico
Giu 9@18:30–20:00
Persone non numeri: Incontro con Guadalupe Pérez HIJOS Mèxico

Persone non numeri

Tra il 2006 el il 2016 sono scomparse 30,000 persone in Messico, fra migranti latinoamericani e messicani nel loro viaggio verso gli Stati Uniti. Proprio come sta accadendo quotidianamente nel nostro Mediterraneo.

Ne parliamo con:

Guadalupe Pérez Rodriguez ( H.I.J.O.S Mèxico, Collettivo Huellas de la memoria)
Edda Pando (Rete Milano senza frontiere, Progetto Missing at the borders)
Mayra Landaverde ( Associazione Todo Cambia )

Modera:

Alessandra Montesanto ( Associazione per i diritti umani)

Ott
10
Mar
2017
La mia stagione è il buio
Ott 10@18:30–20:00
La mia stagione è il buio

L’autrice Cristina Caloni presenta

La mia stagione è il buio

l’accompagnerà lo scrittore Giancarlo Sammito

La fragile psiche di Julian Tartari, musicista, fuggitivo e assassino immaginario, ci mostra l’inattesa umanità della follia, in una realtà dai contorni incerti. «Vi saluto, sono morto», con questa frase inizia il monologo delle sue confessioni. Julian, scappando prima da Novara, città in cui è nato, e poi da Milano, città in cui ha vissuto, vuole cancellare le tracce del proprio passaggio e dimenticare i demoni che lo inseguono. Entrare nel suo etereo universo, ai tempi in cui frequentava il Margot, era, per i suoi amici, una grazia e una rivelazione. Se tutti interpretano un ruolo nella società, i folli hanno il potere di sedurre, spaventare, ma anche di rassicurare, per contrapposizione, chi vive secondo regole condivise. Chi cerca di battere il tempo rincorre una notte senza fine: «Siamo quelli che danno inizio alle guerre, quelli che ci mettono tutto il loro cuore, siamo i vostri figli disperati, siamo il vostro amore e il vostro inganno. Noi siamo i vostri killer psicotici.

Feb
19
Mar
2019
METTIAMOCI IN ASCOLTO
Feb 19@19:00–20:45
METTIAMOCI IN ASCOLTO

METTIAMOCI IN ASCOLTO. Approcci e strumenti comunicativi per relazioni più fluide e armoniose.

Un dialogo ideale tra il testo di Marshall Rosenberg Le parole sono finestre e quello di Marianella Sclavi Arte di ascoltare e mondi possibili.

ne parliamo con

Angela Attianese, Centro Esserci

Agnese Bertello, Ascolto Attivo

Rosita Marinoni, Centro Bateson

Una comunicazione di qualità con se stessi e con gli altri è oggi una delle competenze più preziose

Le parole sono finestre di Marshall Rosenberg, ideatore della comunicazione non violenta

“La nostra è la società della complessità. Ciascuno è portatore di uno sguardo e di una prospettiva particolare […] C’è gran bisogno di modalità di incontro basate sul riconoscimento e rispetto reciproco”

dal sito ascoltoattivo.net

La presente iniziativa si inserisce in un ciclo di incontri dedicati al progetto Parole in Forma-azione.
Gli incontri di Parole in Forma-azione sono pensati e sviluppati grazie alla sinergia tra Libreria Les Mots e una community educativa di progettazione.

Parole in Forma-azione è stato realizzato con il patrocinio di Fondazione Cariplo