I prossimi eventi in libreria

Dic
17
Mar
2019
Territori e Resistenze
Dic 17@18:30–20:00
Territori e Resistenze

11 saggi di ricercatrici e ricercatori di scienze sociali. Ne parliamo con :

Fabio Bertoni e Luca Sterchele (curatori); Costanza Guazzo e
Eleonora Noia (autrici)

È nel rapporto di continua circolarità tra resistenze e territori che si situano i lavori presenti in questo libro, i quali la percorrono utilizzando bagagli disciplinari diversi che, pur avendo origine nella sociologia, nell’antropologia o nella psicologia sociale, sono costantemente tesi all’ibridazione e refrattari ad un’univoca classificazione disciplinare, preferendo seguire, nelle diverse sensibilità metodologiche, una predisposizione alla sperimentazione e all’esplorazione, in un ecclettismo teorico ed empirico. Questo libro nasce proprio per soddisfare quest’istanza “selvaggia” di dialogo e di riflessione comune su un tema che abbiamo visto essere caro a molti.

Manifesto libri

Dic
18
Mer
2019
Cuori Partigiani
Dic 18@18:30–20:30
Cuori Partigiani

Cuori Partigiani: la storia dei calciatori professionisti nella Resistenza italiana di Edoardo Molinelli

Red star Press editore

Calcio e Resistenza uniti per sconfiggere fascismo e discriminazione , ne parleremo con l’autore

A seguire APERITIVO benefit

organizza: Collettivo Kasciavìt

Dic
19
Gio
2019
Il classico che è in noi: Platone, Fedro
Dic 19@18:30–20:30
Il classico che è in noi: Platone, Fedro

Per quest’appuntamento: il dialogo platonico per eccellenza. Sull’amore, sulla retorica, sul mito della biga alata e sulla
condizione umana tra ragione e passione. Il mondo delle idee e la conoscenza per mezzo della
dialettica.

Platone, Fedro

Mohamed non ha mai visto il mare
Dic 19@20:30–22:00
Mohamed non ha mai visto il mare

chiaccherata con l’autore Marco Giarrizzo 

Efesto edizioni

Quando un ragazzino ti osserva con genuino interesse mentre paghi la pizza e ti chiede cosa hai fatto con “quella tessera”, ti rendi conto immediatamente di essere sì seduti allo stesso tavolo, ma agli estremi di mondi e tempi molto diversi. Segue un attimo di silenzio, ma presto l’incredulità si tramuta in stupore nello scoprire una realtà affascinante, che non ti appartiene ma che già ti chiama.” Il clima in Italia e in Europa particolarmente teso in campo di immigrazione rendono la narrazione e le tematiche affrontate all’interno di questo “diario” estremamente attuali, motivo per il quale è sembrato il momento ideale per dare un piccolo contributo tramite queste pagine di esperienza diretta di volontariato

 

 

 

 

Gen
9
Gio
2020
La fabbrica della street art
Gen 9@18:30–20:00
La fabbrica della street art

La fabbrica della street art. L’esperienza del Castello di Zak

Ne parliamo con l’autore Giovanni Candida e con Zak

Perché il Castello di Zak non deve chiudere? Perché questo è un posto che ispira tantissimi come me. Ghali

Una fabbrica abbandonata nella periferia di Cormano, hinterland milanese, si trasforma nel giro di qualche anno in un museo di street art aperto a tutti e conosciuto a livello globale. L’artefice di tutto questo è Zak, un “senza casa” proveniente da Tunisi che, grazie al suo impegno, è riuscito riconvertire uno spazio ormai caduto in disgrazia in un punto di riferimento per artisti e cittadini. Spazio espositivo, sala concerti, scenografia per video musicali (tra cui Habibi di Ghali), set per film e servizi fotografici, luogo di socializzazione per bambini e ragazzi autistici. Attraverso una ricchissima galleria fotografica, Giovanni Candida ci accompagna tra i corridoi del Castello di Zak, il tempi della street art. Con testimonianze di: Moni Ovadia, Ghali, Claudia Zanella (Radio Popolare), Tatiana Cocca (ex sindaco di Cormano)

Giovanni Candida, fotografo di Street Art dal 2006. È membro del gruppo fotografico PhotoMilano, che si pone l’obiettivo di raccontare la metropoli per immagini. La sua pagina Facebook Walls of Milano è punto di riferimento della scena cittadina.