I prossimi eventi in libreria

Apr
30
Sab
2016
festa-mercato UASP-Un’Altra Spesa è Possibile
Apr 30@10:00–17:00

Nella giornata di sabato 30 la libreria sarà chiusa, perchè ci trasferiremo a UASP-Un’Altra Spesa è Possibile, presso la Scuola Elementare M.L. King, piazza S.M. Nascente 30, fermata M1 QT8.

ci troverete lì dalle 10 alle 17

UASP è un’iniziativa organizzata (questo è il sesto anno) dagli attivisti di vari gruppi di acquisto solidale (Gasd’8, Gastella, Gaspaccio, Seigas) in collaborazione con il Comitato Abitanti e Amici di QT8 e Lampugnano, attivo sul territorio dal 2001: bancarelle dei produttori a km. zero, laboratori per bimbi di elementari e materne, visita guidata al quartiere sperimentale QT8, servizio di ciclofficina, aperitivo in musica classica.

Vi aspettiamo!

 

Giu
21
Mer
2017
La città orizzontale
Giu 21@18:30–20:00
La città orizzontale

La città orizzontale: etnografia di un quartiere ribelle di Barcellona di Stefano Portelli

ne parliamo con Giacomo Pozzi e Andrea Staid

Ottocento case sulla riva del fiume che segna il limite estremo di Barcellona mostrano il lato oscuro della città più celebrata d’Europa. Mentre le ruspe del Comune le riducono in polvere, un gruppo di ricercatori tenta di recuperarne l’eredità, la memoria di lotta e di resistenza quotidiana.

Stefano Portelli è antropologo, nato a Roma nel 1976. Ha vissuto a Barcellona dal 2002 al 2012. Si è dottorato in urbanistica all’università Sapienza di Roma.

Ott
23
Mar
2018
KHINSHASA
Ott 23@18:30–20:00
KHINSHASA

Kinshasa.Una storia di adozione di Massimo Vaggi

assieme all’autore sarà presente lo scrittore Giuseppe Ciarallo

Il 25 settembre 2013 le autorità della Repubblica Democratica del Congo sospendono l’uscita dal Paese dei bambini che, in forza di una sentenza di adozione internazionale, sono in attesa di raggiungere i genitori. Inizia così per oltre cento famiglie italiane e per i loro figli un lungo periodo di angoscia e incertezza, durante il quale si verificano i fatti che nel romanzo sono raccontati in un modo relativamente libero, ma che nulla toglie alla loro veridicità. L’autore narra della polvere e dei mercati di Kinshasa, dei bambini che vivono nelle sue strade, degli istituti e delle persone che tra innumerevoli difficoltà offrono loro protezione. Racconta di un crimine e di un’inchiesta inconsueta, che non si affida all’evidenza delle prove ma al potere della parola. Una narrazione drammatica che tuttavia, nella dimensione sorprendente delle motivazioni che muovono i protagonisti, propone alle nostre fragili certezze un’inversione inedita di significati e valori

Interlinea editore