I prossimi eventi in libreria

Set
20
Mar
2016
Giorgio Fontana, Un solo paradiso
Set 20@18:30–20:30
Giorgio Fontana, Un solo paradiso

Siamo felici di ospitare nuovamente Giorgio per questa nuova prima!

Giorgio Fontana e Marco Missiroli  presentano Un solo paradiso

edizioni Sellerio

Una storia d’amore e d’abbandono, e sul come i paradisi perduti ci possano cambiare al punto di non essere più noi stessi. C’è molta Milano, c’è molto jazz, c’è molto alcool. In un certo senso, è una ballata

 

 

Mag
11
Gio
2017
In viaggio con Leopardi
Mag 11@18:30–20:00
In viaggio con Leopardi

Appunti per un diario illustrato (con canzoni)

libro + cd

Il nuovo libro illustrato con cd allegato di Angelo Maddalena

Tre città: Bologna, Firenze e Pisa. Un cantastorie le attraversa ispirandosi ad alcuni stralci di pensieri e poesie di Giacomo Leopardi: dipinge e scrive mentre viaggia, fa autoironia e riflette sul presente e sulla memoria storica, su sé stesso e su Leopardi: un diario di appunti, acquerelli, schizzi, e canzoni, anzi, 5 Canti di Leopardi musicati e registrati da Angelo Maddalena, in un libro che è anche uno spettacolo con chitarra, che racconta, tra le altre cose, l’”abisso salvifico” che ha portato l’autore a incontrare e riscoprire Leopardi.

Il libro è autoprodotto e formato di 224 pagine di cui circa 100 illustrate in forma di carnet de voyage.

Il cd Maddalena canta Leopardi contiene 9 brani.

Feb
20
Mar
2018
MAI. L’ERGASTOLO NELLA VITA QUOTIDIANA
Feb 20@18:30–20:30
MAI. L'ERGASTOLO NELLA VITA QUOTIDIANA

Annino Mele presenta MAI. L’ERGASTOLO NELLA VITA QUOTIDIANA

lo introduce e accompagna Davide Steccanella, avvocato.

“con la pena di morte lo Stato toglie la vita a una persona, con l’ergastolo se la prende”

un libro Sensibili alle foglie

“L’assenza di un fine pena certo può essere considerato il primo basilare dispositivo su cui si fonda l’istituto dell’ergastolo, ed è questa durata infinita della pena che la rende specifica nella sua quotidiana esecuzione. Si potrebbe dire che se con la pena di morte lo Stato toglie la vita a una persona, con l’ergastolo se la prende”. Così Nicola Valentino introduce alla lettura di questo libro nel quale Annino Mele racconta l’esperienza quotidiana del carcere, vissuta da un uomo il cui fine pena è fissato al 99/99/9999. Mai. Una narrazione che svela senza reticenze il falso mito della funzione rieducatrice del carcere e quello della presunta virtualità dell’ergastolo nel sistema penale e giudiziario attuale. Come se questa pena non fosse realmente scontata dagli ergastolani. Un libro che descrive i dispositivi del carcere, le sue banali violenze quotidiane (che si possono tradurre in un dispetto o in un suicidio), i suoi misteri irrisolti (come l’epidemia di febbre Q nel carcere del Bassone e le voci che sotto a quelle fondamenta sia stata sepolta la diossina di Seveso). L’interrogativo che questo libro vuole porre è se non sia giunto il momento di abolire la pena dell’ergastolo”

Annino Mele, nato a Mamoiada (Nuoro) nel 1951. Pastore fin dall’infanzia è in carcere dal 1987. Ha pubblicato, per la Gia editrice, nel 1996, Il passo del disprezzo e per Sensibili alle foglie, nel 2001,con Vladimir Andrade Silva, Sos camminos della differenza.

 

Ott
18
Gio
2018
La criminalizzazione della povertà
Ott 18@18:30–20:00

Per il ciclo La criminalizzazione della povertà

Matthias Canapini presenta Terra e dissenso e Eurasia express  Prospero editore