I prossimi eventi in libreria

Mag
2
Gio
2019
Il classico che è in noi
Mag 2@18:30–20:00
Il classico che è in noi

Invito alla lettura, la letteratura come vita e come riflessione sulla vita a cura di Giorgio Riolo.

Per quest’appuntamento: Gli zii di Sicilia Il mare colore del Vino di Leonardo Sciascia

La forma-racconto come genere letterario confacente alla scrittura rapida e precisa del grande letterato. Tutti i temi cari allo scrittore e al pensatore Sciascia, impegnato, con la penna e non con la spada, a combattere le congiure e le imposture del potere, in tutte le sue manifestazioni.

Mag
7
Mar
2019
Alla luce
Mag 7@18:30–20:00
Alla luce

Laura Spoldi presenta Alla Luce

“Io mi sono resa conto che non si può sempre salvare gli altri. Ad un certo punto, anche solo per qualche minuto, abbiamo bisogno che ci sia qualcuno a salvare noi”.

 

“Questa è una storia di prigionie e libertà, di buio e di luce, di vicende nascoste che si svelano a poco a poco. Elizabeth è una ragazza che esce dal carcere dopo otto anni durante i quali ha scontato la pena per un delitto del quale non si perdona. Daria è l’assistente sociale incaricata di seguire il suo caso e favorire il reinserimento di Liz nella società ordinaria, proprio mentre la sua vita familiare si sfalda fra laceranti incomprensioni. E poi c’è Igor, un fotografo dall’animo solitario che porterà le due donne sotto il sole della Sardegna, lasciando che la luce dell’isola metta a fuoco le storie di ognuno di loro e sveli ciò che ancora era rimasto in ombra. Fino a che ogni immagine non troverà la giusta didascalia.”

Mag
9
Gio
2019
Un’infanzia quasi felice
Mag 9@18:30–20:00
Un'infanzia quasi felice

Elisa Lyon e Angelo Meis presentano Un infanzia quasi felice

“Un thriller incalzante sul mondo fiabesco e terribile dell’infanzia ed una riflessione sull’amicizia, il destino e il perdono.
L’8 giugno 1985, in un palazzo del quartiere Ostiense a Roma, accade un evento drammatico che imprime una svolta improvvisa alla vita di un gruppo affiatato di amici.
Costretti a lasciare quel luogo maledetto, i ragazzi si perderanno di vista. Finché, più di trent’anni dopo, la morte in circostanze misteriose di uno di loro costringe i protagonisti a fare i conti con il proprio passato, a interrogarsi su quanto accaduto e a mettere in discussione le loro certezze.
Non sanno, però, che tra quelle mura esistono segreti pericolosi, né possono prevedere che si sta per consumare l’atto finale di un dramma iniziato tanto tempo prima.”

Mag
11
Sab
2019
La Rabbia
Mag 11@18:00–19:30
La Rabbia

Presentazione del fumetto La Rabbia di Salvatore Vivenzio (storia) e Gabriele Falzone (disegni)

“La rabbia è un sentimento forte, caldo, impetuoso, importante. La rabbia scorre senza freni, ci percorre le vene, ci rende travolgenti. La rabbia può essere incanalata, può essere gestita, può essere usata in modo giusto, può diventare energia. Così Cesare raccoglie tutta la rabbia degli anni passati, tutti i pugni presi, tutte le sconfitte e decide, per una volta, di vincere.”

Cesare Salgari abita a Quindici, un piccolo paesino in provincia di Avellino da sempre territorio di una delle più sanguinose faide camorristiche d’Italia. La sua vita drammatica si intreccia con gli eventi di cronaca che ne condizionano la crescita, eppure Cesare si accontenta: si accontenta di sua madre, delle sue sorelle, del suo amico Fabrizio, della ragazzina per cui si è preso una cotta. La rivincita, l’opportunità di riscatto, arriva con la boxe. Teodoro, proprietario di una palestra nel paesino, vede Cesare combattere in strada e capisce che il ragazzo ha talento. Iniziano gli allenamenti, la preparazione, poi i primi incontri e Cesare è bravo ma ha la testa calda. A causa della sua disobbedienza Teodoro decide di impedire a Cesare di salire sul ring fino a quando non avrà imparato ad ascoltarlo. Però la rabbia è la rabbia e non puoi placarla, non puoi soffocarla, ha bisogno di uscire, così Cesare inizia a partecipare a degli incontri di boxe clandestini. Dopo aver vinto un paio di incontri ecco che arriva la grande occasione: un torneo! Qualcuno però vorrebbe che Cesare avesse un mentore, vorrebbe fargli da manager, anzi, da padrino. Si tratta di On Totore, un signore rispettato e ammirato che ha buoni rapporti con tutti, compresa la famiglia di Cesare. La rabbia però, dicevamo, non ha padroni e non accetta compromessi. Cesare vuole vincere davvero, vuole vincere da solo.

Mag
16
Gio
2019
Eppure il vento soffia ancora!
Mag 16@19:00–20:30
Eppure il vento soffia ancora!

“Tra tutte le cose che siamo e che usiamo, nulla è veramente nostro, tutto è arrivato a noi e ci ha cambiati, che noi lo si sappia o meno”

DAL PARTICOLARE ALL’UNIVERSALE

Dialogo con Felice Di Lernia, autore del libro Eppure il vento soffia ancora (Bordeaux edizioni)

Con l’autore:

Sara Zambotti, antropologa e conduttrice di Caterpillar – Radio2

Introduce Giovanni GaieraComunità Cascina Contina di Rosate e Cnca Lombardia

Il particolare e l’universale, il microscopico e il macroscopico, la semplicità e la complessità: come tenere insieme il molto piccolo dei microcosmi esistenziali con il molto grande di alcune questioni di respiro antropologico? Una etnografia del profondamente umano, insomma. Il risultato è un mix efficace di stati d’animo che attiva nel lettore aree differenti di attenzione, dalla empatia alla simpatia, per soddisfare il bisogno antico di conoscere. Leggere, in questo caso, può dare vita a un viaggio in due diverse direzioni: dentro di sé e lontano da sé, verso di sé e av-verso di sé. “Eppure il vento soffia ancora” è un ottimo strumento di lavoro e di auto-sorveglianza nelle mani sia dei professionisti che di chiunque avverta l’esigenza di un pensiero laterale e divergente capace di mettere in dubbio le questioni più ovvie.

DALLE 19,00 CON APERITIVO

L’iniziativa è organizzata e promossa dalla Libreria Les Mots e dal Cnca Lombardia e si inserisce in un ciclo di incontri dedicati al progetto Parole in Forma-azione.

Gli incontri di Parole in Forma-azione sono pensati e sviluppati grazie alla sinergia tra Libreria Les Mots e una community educativa di progettazione.

Parole in Forma-azione è stato realizzato con il patrocinio di Fondazione Cariplo

 

 

Mag
17
Ven
2019
L’umanità è scomparsa.
Mag 17@18:30–20:00
L'umanità è scomparsa.

“L’umanità sta naufragando

Ma, forse, possiamo ancora soccorrerla.”

L’umanità è scomparsa. Sulle rotte migratorie del XXI secolo. Interverranno Alberto Barbieri (medico e coordinatore generale di Medici per i Diritti Umani) e Najla Hassen (mediatrice progetto On to Sicilia di Medici per i diritti umani). Modera Ilaria Sesana

“Per ogni generazione c’è un momento in cui ogni certezza si sgretola e ciò che è umano sembra svanire. Ne “L’umanità è scomparsa”, libro-testimonianza di Medici per i Diritti Umani a cura di Alberto Barbieri e con la prefazione di Massimiliano Aragona, dodici medici, psicologi e mediatori culturali diventano scrittori per raccontare quel momento, nel quotidiano incontro con centinaia di uomini, donne e bambini migranti sopravvissuti alle violenze del loro paese di origine e alle atrocità delle rotte migratorie del XXI secolo.”

Mag
22
Mer
2019
La libertà d’insegnamento in Brasile e l’elezione del presidente Bolsonaro
Mag 22@18:30–20:00
La libertà d’insegnamento in Brasile e l’elezione del presidente Bolsonaro

“L’atteggiamento censorio del nuovo governo di destra si rivela anche in un suo progetto di legge che proibisce i discorsi politici nelle scuole, istigando gli scolari a filmare i docenti che fanno “propaganda politica” in classe e, poi, a inviare questi filmati a un apposito sito”

La libertà d’insegnamento in Brasile e l’elezione del presidente Bolsonaro di Mario G. Losano

ne parliamo con Rafael Valim Mario G. Losano, membro del CdP in teoria critica della società

Mentre in Brasile la campagna per le elezioni presidenziali del 2018 non era ancora conclusa, la polizia perquisì decine di università, sequestrando striscioni e interrompendo lezioni. Sosteneva che quella era propaganda elettorale, vietata per legge negli edifici pubblici. In realtà, la polizia censurava l’autonomia delle università e la libertà d’insegnamento, e non la propaganda elettorale: il volume documenta la vasta polemica che coinvolse tutto il Brasile. Pochi giorni dopo le perquisizioni, il Tribunale Supremo annullava le disposizioni repressive: quella sentenza e altri documenti sono tradotti nel volume. L’atteggiamento censorio del nuovo governo di destra si rivela anche in un suo progetto di legge che proibisce i discorsi politici nelle scuole, istigando gli scolari a filmare i docenti che fanno “propaganda politica” in classe e, poi, a inviare questi filmati a un apposito sito

Mag
25
Sab
2019
Piccole ballate crudeli
Mag 25@17:00–19:00
Piccole ballate crudeli

Marga “BlackBanshee” Biazzi presenta Piccole Ballate Crudeli

“Piccole Ballate Crudeli” è una raccolta di dieci racconti brevi, troppo brevi per svelarci il passato o il futuro delle creature protagoniste e degli umani che, loro malgrado, le subiscono. Solo il loro presente ci è dato di sapere. Un presente di incontri tra mortali e creature antiche, che puniscono l’arroganza e la crudeltà cui troppo spesso gli umani si abbandonano. Alcuni racconti hanno una forte impronta etico-ambientalista, altri vogliono solo raccontare di situazioni fantastiche, con un forte rimando alle ballate del folklore più originale.

Mag
28
Mar
2019
Mostri e altri animali
Mag 28@18:30–20:00
Mostri e altri animali

Presentazione dell’ultimo numero monografico della rivista Aut Aut a cura di Massimo Filippi e Enrico Monacelli

“L’idea centrale del numero è la decostruzione dell’idea di mostro, o meglio delle barriere concettuali e simboliche che l’umanità ha costruito tra sé, i mostri e gli animali, sacrificando i primi e i secondi in nome della normalità o della propria sopravvivenza immaginaria. Così, se i mostri rappresentano una sorta di desiderio impossibile, da esorcizzare e rimuovere, gli animali sono la sterminata e muta platea che assiste all’autocostruzione della specie umana come padrona di tutte le altre e quindi nel pieno diritto di sacrificarle. I saggi proposti sono tutti variazioni sul tema della produzione sacrificale degli altri esseri.”

Mag
30
Gio
2019
Il classico che è in noi
Mag 30@18:30–20:00
Il classico che è in noi

Invito alla lettura, la letteratura come vita e come riflessione sulla vita a cura di Giorgio Riolo.

Per quest’appuntamento: Apologia della storia o mestiere di storico di Marc Bloch

Dopo le Sei lezioni sulla storia di Edward H. Carr, un’altra profonda riflessione sulla storia da parte di un grande storico. Alle origini della scuola delle Annales e della concezione della storia non solo come disciplina accademica e del conoscere, ma come campo di impegno intellettuale e morale per una società più giusta e più civilmente avanzata.